Mostra Scientifica Interattiva
 


Viaggio nelle Scienze della Terra

a cura di Elena Bonaccorsi, Massimo D'Orazio,
Giovanni Bianucci, Francesco Guelfi e Carlo Gini
(Dipartimento di Scienze della Terra)
 
 

Ci sono due novità per il GEOLAB2010 !



Un regalo da far crescere
Qualche suggerimento su come fare una raccolta di minerali in classe


Un girotondo ... galattico!

rompicapo

Gioco e scienza all'aperto

al GELAB troverai ...

Magici Misteriosi Minerali
Trova il meteorite!
La scatola nera
Costruisci il tuo vulcano
'E pur si muove!'
A spasso con i Dinosauri
Le conchiglie nella roccia
Giocare con le ere geologiche
Caccia all'intruso
Piccolo è bello
Il GEOLAB va a scuola


...you will find...

Magic Mysterious Minerals
Spot the meteorite!

The black box
Build up your own volcano
It moves!
Walking with Dinos
Shells in the rock
Playing with Geological Eras
Outsider hunting
Small is beautiful
The GEOLAB goes to school



 
 


se vuoi saperne di più clicca qui

Magici Misteriosi Minerali
 
Magic Mysterious Minerals


Quanti minerali!
Come puoi distinguerli e riconoscerli? Puoi usare i tuoi sensi... e qualche piccolo aiuto.

Alcuni minerali sono più pesanti degli altri. Prova a confrontarli soppesandoli sulle mani. Puoi anche misurare la loro densità: come faresti?

Alcuni minerali sono più duri degli altri, per esempio possono scalfire altri minerali e non essere scalfiti a loro volta. Qual è il minerale più duro tra quelli esposti?

Alcuni minerali si rompono in un modo speciale, solo lungo certe superfici: puoi indovinare perché?

Alcuni minerali presentano delle belle forme geometriche. Ne riconosci qualcuna?

E poi, puoi scoprire che... alcuni minerali hanno dei colori caratteristici, altri attirano le calamite, altri... ci fanno vedere doppio!



How many minerals!
How can you distinguish and recognize them? You could use your senses... and a little help from us.

Some minerals are heavier than others. Try to weight them in your hands. Here you can also measure their density: how would you do that?

Some minerals are harder than others, for example they can scratch other minerals, and do not be scratched by them. What is the hardest mineral among the exposed samples?

Some minerals break down in a special way, along well defined smooth surfaces: can you guess why?

Some minerals show a beautiful geometrical shape. Do you recognise someone of them?

And finally, you will discover also that... some minerals show characteristic colours, others attract a magnet, others ... double the images you see!

torna su


Trova il meteorite! 

Spot the meteorite!
 

Saresti capace di riconoscere un meteorite, se ne cadesse uno nel tuo giardino?
Su una superficie che simula un terreno desertico sono state disseminate alcune vere meteoriti condritiche sono il più comune tipo di meteoriti (circa 86% delle meteoriti viste cadere). Sono costituite principalmente da silicati di ferro e magnesio, ferro-nichel metallico e solfuro di ferro. La maggior parte delle condriti hanno subito poche modificazioni dal momento in cui si sono formate, cioè circa 4.6 miliardi di anni fa, quando ebbe origine il nostro Systema Solare. Ad eccezione degli elementi più volatili (es. elio, idrogeno ossigeno, azoto, etc.), le condriti hanno la stessa composizione chimica della originale nebulosa solare. Le condriti prendono il nome dalle condrule, piccole (< 1 mm) sferule fatte di silicati di ferro e magnesio e/o vetro, presenti nella maggior parte dei tipi di condriti. , trovate nel Deserto del Sahara Nel corso degli ultimi anni, alcune migliaia di meteoriti sahariane sono state rinvenute, principalmente dai nomadi, e classificate. Il Deserto del Sahara, insieme all’Antartide, costituisce un luogo privilegiato per la ricerca di meteoriti perchè è privo di vegetazione, è secco, ed offre un forte contrasto di colore tra meteoriti e suolo. insieme ad altre comuni rocce terrestri. Con l'ausilio di una calamita e una lente di ingrandimento prova a riconoscere i meteoriti distinguendoli dalle altre rocce. Sei in grado di spiegare in cosa differiscono tra loro questi materiali ?


Would you be able to recognise a meteorite, if you met one?
Some authentic chondritic meteorites the most common type of meteorites (~ 86 % of meteorite falls). They are mostly made up of iron-magnesium silicates, metallic iron-nickel and iron sulfide. Most chondrites have remained almost immutate since their formation 4.6 billion years ago, when the Solar System formed. Excluding the most volatile elements (e.g. hydrogen, oxygen, nitrogen, etc.), chondrites have the same elemental composition of the initial Solar Nebula. Chondrites owe their name to chondrules, small (< 1 mm) round grains made of iron-magnesium silicates and/or glass, occurring in most types of chondrites. from the Sahara Desert Over the last decade, thousands of meteorites have been recovered, mainly by nomads, in the Sahara Desert. Hot and cold deserts (e.g. Sahara and Antarctica) are privileged sites for meteorite hunting because they are free of vegetation, dry, and offer a strong color contrast between dark meteorites and light ground. have been scattered along with some common terrestrial rocks on a desert-like surface.
With the aid of a hand-magnet and a magnifying glass, try to spot the meteorites. Are you able to explain the difference between the meteorites and the other rocks?

torna su


 
 



se vuoi saperne di più clicca qui



La scatola nera        The black box

 

Non bisogna fidarsi troppo delle apparenze. Per esempio, un sasso può sembrare solo un banale, grigio ed inutile sasso. Ma se proviamo a guardarlo dentro questa strana scatola nera, potremmo vedere dei colori bellissimi!

La luce che illumina il nostro sasso dentro la scatola è luce ultravioletta anche nella radiazione solare c'e' una parte di radiazione ultravioletta, che è responsabile della nostra abbronzatura (ma anche delle bruciature, se non ci mettiamo qualche crema che filtra la radiazione pericolosa). Il 99% della radiazione ultravioletta emessa dal Sole viene assorbita dall'atmosfera., che i nostri occhi in realtà non riescono a vedere. Alcuni elementi presenti nei minerali, invece, assorbono questa luce e rispondono emettendo luce visibile, il cui colore è spesso caratteristico di quel particolare minerale.



You shouldn't never judge by appearances. For instance, a stone could seem just a trivial, gray, useless stone. Anyway, if we put it inside this strange black box, it could show very beautiful colours!

In the box, the stone is lit up by ultraviolet light we all experience ultraviolet radiation as part of the radiation received by the Earth from the Sun., which our eyes cannot see. Some elements which are present in our stone absorbe this radiation and emit visible light, with a characteristic colour.

torna su


Costruisci il tuo vulcano 

Build up your own volcano


Il magma Materiale ad alta temperatura derivato dalla fusione di rocce all’interno della terra. Oltre alla fase liquida i magmi possono contenere gas, sia disciolti che in forma di bolle, e cristalli.
Il magma può solidificare all’interno della Terra o fuoriuscire attraverso le eruzioni vulcaniche. Dalla solidificazione dei magmi si generano le rocce ignee (es. granito, basalto)
contiene disciolte sostanze come l'acqua e l'anidride carbonica che, quando il magma sale verso la superficie, tendono a separarsi dal liquido sotto forma di bolle di gas. L’aumento di pressione del gas nel magma e l’aumento di volume del magma stesso sono le principali cause delle eruzioni vulcaniche.

Proviamo a simulare una piccola eruzione vulcanica usando del semplice aceto, bicarbonato di sodio e acqua.
Questo esperimento non è pericoloso e può essere replicato anche in casa.

The magmaHigh-temperature material derived from melting of rocks within the Earth. Besides the liquid phase, it may contain gases, dissolved or as bubbles, and crystals. Magma may solidify within the Earth or erupt on its surface through volcanic eruptions. The solidification of magmas originates the igneous rocks (e.g. granite, basalts) contains dissolved substances, such as water and carbon dioxide that, when the magma rises upward, may exsolve as bubbles. The increasing pressure of these gases and the increasing volume of the magma are the main causes of the volcanic eruptions.

Let we try to simulate a small volcanic eruption, by means of simple vinegar, baking-soda and water.
This simple experiment makes use of common and non-dangerous materials and may be replicated at home!

torna su


 

qui troverai un modello di vulcano
che puoi costruire con carta, colla e forbici.



 
vedi anche: 
margini delle placche
placche tettoniche, vulcani, terremoti

 
  'E pur si muove'
It moves!


Ma..."stare con i piedi per terra" è davvero così sicuro?  In realtà, la nostra Terra è come un grande puzzle, in cui una ventina di tessere, che si chiamano "placche" e sono formate da giganteschi pezzi di litosfera Litosfera: strato esterno della Terra, solido, che si comporta in modo rigido. Al di sotto della litosfera si trova l'astenosfera, che è molto viscosa ed ha un comportamento plastico. Le placche rigide possono muoversi sopra l'astenosfera. E' un po' quello che succederebbe in un cioccolatino tipo Lindor, se il guscio esterno di cioccolata solida si rompesse: i frammenti si possono muovere sulla crema di cioccolata che sta sotto... (gnam!!!), si incastrano le une con le altre.


Prova a ricostruire la superficie attuale della Terra, facendo combaciare tutti i pezzi che trovi sulla lavagna magnetica. Ricordati però che quello che stai costruendo non è un puzzle come tutti gli altri. Ai bordi di queste enormi placche succedono cose straordinarie. Le placche si muovono e cambiano forma, ci sono bordi in cui esse si accrescono e bordi in cui si consumano, e bordi che scorrono gli uni rispetto agli altri. E durante questi movimenti avvengono terremoti, nascono vulcani, si formano catene montuose altissime e fosse oceaniche profondissime. In centinaia di milioni di anni questi movimenti hanno fatto cambiare aspetto alla nostra Terra molte volte.



"To be down-to-earth" ...is really safe from risk? Our Earth is actually like a big jigsaw puzzle, in which about twenty 'tesserae', named 'plates' and formed by huge slabs of lithosphere Solid outermost shell of Earth, which behaves as a rigid body. The lower shell is called 'astenosphere' and has a plastic behaviour. The lithospheric plates ride on the asthenosphere. have to be fitted together.

Try to reassemble the present land surface, matching all the pieces on the magnetic board. Beware!, What you are building is not a common puzzle. At the boundary of these huge plates extraordinary things happen. The plates move on, change their shape, growing on one side and consuming on the opposite side, and borders flows one over the other. And throughout these processes, earthquakes, volcanic activity, mountain-building, and oceanic trench formation occur along plate boundaries. Over hundreds of millions years, these movements changed the aspect of our Earth many times.

torna su


A spasso con i Dinosauri

Walking with Dinos


Lo sapevate che molte delle abitudini di vita dei Dinosauri (se correvano o andavano piano, se erano solitari o se si spostavano in branchi, se camminavano appoggiando anche le zampe davanti o meno, eccetera....) le conosciamo grazie alle loro orme fossili?
Trovare queste tracce negli strati rocciosi non è, però, così facile perché si formano e si conservano solo in condizioni eccezionali.
...Volete sapere in quali condizioni? A questa domanda dovete rispondere voi, facendo correre i vostri dinosauri in diversi ambienti per ottenere le orme migliori.

Do you know that the fossil tracks of Dinosaurs revealed us a lot of information about their life habits?
Unfortunately, to find these fossil tracks within the rock layers it's very difficult, because they can be preserved only under exceptionally favourable conditions.
...Are you asking yourself what conditions are favourable? Here you can find an answer to this question, by reproducing the tracks of the Dinosaurs over different substrates and under different climate conditions.

torna su

 
se vuoi saperne di più clicca qui

vedi anche: 
orme di dinosauri al Museo di Lerici
orme di dinosauri al Museo Tridentino di Scienze Naturali

Conchiglie nella roccia
Shells in the rock

'Come si chiamano i fossili a forma di chiocciola?' 'In che modo si estrae un fossile dalla roccia che lo contiene?' 'Gli animali fossili si trovano interi o spezzati?' Quante domande queste domande sono state effettivamente poste da alunni di scuola elementare (http://www.comune.pisa.it/apsn/Faq.html)! E poi: 'Ma come hanno fatto le conchiglie a entrare nella roccia?' 'Perche' sembrano fatte di pietra?' 'Ma come...?' 'Ma perché...?'

Mentre ci facciamo tutte queste domande, ed altre ancora, proviamo a 'ricostruire' la formazione dei fossili negli strati rocciosi, usando la plastilina e delle conchiglie attuali.
Si spiana sul tavolo il primo “strato roccioso” di plastilina, si dispongono su di esso delle conchiglie raccolte sulla spiaggia e si ricopre con un secondo strato di plastilina. Poi si mette tutto sotto una pressa che rappresenta la pressione litostatica. Infine si separano i due strati e si osserva una superficie che conserva parzialmente inglobate le conchiglie (i fossili finti) e l’altra solo le impronte (i modelli esterni). Si può ripeter più volte l’esperienza cambiando il tipo di conchiglie o la loro disposizione sullo strato. I risultati ottenuti possono essere confrontati con alcuni campioni di roccia che conservano conchiglie fossili simili a quelle utilizzate nelle esperienze.

Come dite?...che abbiamo fatto troppo in fretta? E' proprio vero, ma non abbiamo milioni di anni a disposizione, noi...



'What's the name of the snail-like fossils?' 'How can you extract a fossil from the rock which enclose it?' 'The fossil bones are found integer of broken?' How many questions these questions were really done by primary school children (http://www.comune.pisa.it/apsn/Faq.html)! And then: 'Haw can the shells enter within a rock?' 'Why do they look like stones?' 'How...?' 'Why...?'

Whereas we will discuss those and other questions, with clay and current sea shells we will buid "fossils" similar to those found inside the rock layers. First stretch on the table a "rocky" layer using clay, then arrange on it some shells collected on the beach and finally cover all with a second layer of clay. Then you put everything under a mechanical press that simulates lithostatic pressure. Now open the two strata: you will see on one side there is an area which partially incorporated the shells (the fossil) while on the other there are almost only footprints (external models). You can repeat the experience many times by changing the type of shells or their arrangement on layer. The results obtained can be compared with samples of rock that keep fossil shells similar to those used in the experiments.

What are you saying?... we were in a hurry? It's true, the problem is that we cannot wait for some millions years...

torna su

Giocare con le ere geologiche 

 Playing with the Geological Eras


Qui puoi ricostruire la scala dei tempi geologici sovrapponendo correttamente i 'mattoni', uno sopra l'altro.
Ogni mattone rappresenta un Periodo Geologico e ha delle informazioni che ti possono aiutare: il nome del Periodo, un colore (caratteristico dell'Era Geologica a cui appartiene), un fossile (rappresentativo di quell'intervallo di tempo) ed un numero, che rappresenta quanti milioni di anni fa ha avuto inizio quel Periodo. Queste informazioni le trovi sulle quattro superfici laterali dei mattoni.

(Se ti piacciono le imprese veramente difficili, puoi anche decidere di leggere i milioni di anni solo alla fine, per verificare se la 'torre' che hai ricostruito è quella corretta)




Here you can build the geological timeline, by correctly put one brik on the other.
Every brick represents a Geological Period, and displays several helps which you can use to play the game: the name of the Period, a colour (characteristic of the Geological Era to which it belongs), a fossil (typical of that period), and a number, which indicates how many millions years are spent from the beginning of that Period. You can find these data by looking the four lateral faces of the bricks.

(If you like to face with very difficult trials, do not read the number before building the tower, but only at the end, just to check that the 'tower' is right)

torna su


Trova l'intruso
Look for the outsider


Sai distinguere una roccia ignea da una sedimentaria? Una conchiglia fossile da una attuale? Un minerale da una roccia? Un cristallo di quarzo da uno di calcite? Metti alla prova le tue conoscenze nel campo della geologia giocando alla ricerca dell'intruso.


Can you distinguish an igneous rock from a sedimentary one? A fossil shell from a current shell? A mineral from a rock? A quartz crystal from a calcite one? Put yourself to the test, looking for the outsider in these geological samples.

torna su

Piccolo è bello 

 Small is beautiful

Di che colore è la sabbia? Prima di rispondere 'è GRIGIA!', provate a darle un'occhiata con il microscopio...
Vedrete che in realtà la sabbia è rosa, verde, rossa, arancio, marrone, bianca, blu...

E adesso, già che siete seduti davanti al microscopio, osservate anche qualcuno dei minuscoli campioni di minerali che trovate lì accanto.
Belli, vero?

Ah... e non dimenticate di guardare anche un po' di microfossili!
(...ma quante forme diverse avranno?!)

 

What is the colour of the sand? Before to answer 'it's GRAY!', look through a bit of sand with the aid of a microscope...
You will see that actually it is pink, green, red, orange, brown, white, blue...

And now, as you are already sitting in front of a microscope, have a look round and observe also the small minerals you find nearby.
Beautiful, isn't it?

Ahem... do not forget to give a glance also at the microfossils!
(isn't it incredible how many different shapes they have?)

torna su




il GELAB va a scuola

Materiale vario per studenti ed insegnanti


Pagina a cura di Elena Bonaccorsi
© 2010 LudotecaScientifica/A.P.     animazioni Flash by Uliva Foà (www.ulivafoa.com)      sito by Andypi